Sara Cutrona

Laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche all’Università di Bologna – Campus di Forlì, con una specializzazione in Politica e Sicurezza Internazionale, è attualmente Ufficiale di Complemento della Marina Militare Italiana e riveste il grado di Guardiamarina.

Negli ultimi due anni, dopo aver accumulato diverse esperienze accademiche come borsista tra Stati Uniti, Spagna e Nuova Zelanda, ha seguito un Master in Management Politico organizzato dalla Business School de ilSole24Ore e dalla LUISS School of Government, approfondendo i temi afferenti agli Affari Istituzionali italiani e ha iniziato a collaborare attivamente con diverse testate online e cartacee ( “Il Caffè Geopolitico”; “Rassegna dell’Arma dei Carabinieri”; “ID – Informazioni della Difesa”; et alia…) scrivendo ed interrogandosi su temi di geopolitica e sicurezza.

Nel 2016, i tre mesi trascorsi presso l’Ambasciata d’Italia a Baghdad, in Iraq, hanno inciso profondamente sui molteplici interessi di ricerca facendo spostare l’attenzione analitica dall’ambito puramente diplomatico-politico a quello militare e securitario con un focus particolare sulle dinamiche che coinvolgono il Nord Africa e il Medio Oriente, sugli aspetti culturali della sicurezza internazionale e sul potenziale costruttivo e distruttivo del fattore umano.

Recentemente, il suo interesse si sta concentrando sull’applicazione delle scienze cognitive e della psicologia complessa in ambito militare con particolare curiosità verso l’interazione fra ambito civile e Forze Armate, nuove tecnologie, comunicazione politica e utilizzo delle piattaforme online.

Molte sono le convinzioni che riflettono la sua visione di innovazione, democrazia e il legame fra le due, su tutte la necessità di promuovere un accrescimento della consapevolezza collettiva, la diffusione di una cultura proattiva e, soprattutto, un amore incondizionato e intellettualmente onesto verso l’evoluzione sostenibile in cui valori come il progresso, la condivisione e la sicurezza diventino responsabilità individuali e civiche non percepite come pesi da sostenere ma come idee da coltivare, migliorare e trasformare in solide e sistemiche realtà.

LinkedIn